Il legame tra diaframma, respirazione e felicità è profondo e affascinante, dato che questo muscolo influenza direttamente il nostro benessere fisico ed emotivo.

Potremmo quindi dire che rafforzare il diaframma e migliorare la nostra respirazione è quasi un modo per avere “felicità a comando”.

Ok, forse non possiamo parlare di felicità, ma certamente di serenità e calma.

Scopriamo insieme come questi elementi interconnessi possono guidarci verso una maggiore serenità e contentezza nella vita quotidiana.

Il ruolo del diaframma nella respirazione

Il diaframma gioca un ruolo centrale nella respirazione.

Questo muscolo a forma di cupola, situato sotto i polmoni, si contrae e rilassa ritmicamente, permettendo ai polmoni a loro volta di espandersi e contrarsi.

Quando inspiriamo, il diaframma si contrae e abbassa, creando spazio affinché i polmoni si riempiano d’aria.

Durante l’espirazione, invece, il diaframma si rilassa e risale, spingendo l’aria fuori dai polmoni. 

Questo processo non solo ossigena il sangue ma influisce anche sul nostro stato emotivo e psicologico.

La respirazione è infatti uno dei numerosi “ponti” tra la mente e il corpo, un potente strumento di auto-regolazione.

In momenti di stress o ansia, la respirazione tende a diventare superficiale e veloce, stimolando il sistema nervoso simpatico, responsabile della risposta “lotta o fuga”.

Al contrario, una respirazione profonda e consapevole attiva il sistema nervoso parasimpatico, inducendo uno stato di calma e rilassamento.

Attraverso pratiche di respirazione controllata, possiamo quindi influenzare il nostro stato emotivo, ridurre lo stress e promuovere un senso di pace interiore.

Di fatto, possiamo indurre questo stato di equilibrio e calma mentale praticamente a comando.

Diaframma e felicità

La relazione tra il diaframma e la felicità si manifesta nella capacità di gestire le emozioni attraverso la respirazione.

  • Una respirazione diaframmatica profonda non solo migliora l’ossigenazione del corpo ma favorisce anche il rilascio di endorfine, sostanze chimiche naturali del benessere
  • Inoltre, il ritmo regolare e profondo della respirazione diaframmatica può migliorare la concentrazione e la presenza mentale, riducendo pensieri e preoccupazioni che spesso offuscano la nostra felicità
  • Oltre a questo, un utilizzo consapevole del diaframma ci aiuta a gestire meglio quelle situazioni sociali che ci procurano stress e nervosismo, migliorando quindi i nostri rapporti con gli altri, le nostre prestazioni sul lavoro, la nostra gestione dell’ansia e così via

Per questi ed altri motivi, il diaframma, attraverso il suo ruolo essenziale nella respirazione, ci offre pertanto una chiave potente per accedere a uno stato di benessere, felicità, calma, lucidità.

Coltivando consapevolmente la nostra respirazione, possiamo influenzare positivamente e direttamente il nostro benessere psicofisico.

Gli esercizi per rafforzare il diaframma ed accedere a comando ad uno stato di felicità

Per prima cosa, dedica alcuni minuti al giorno alla pratica della respirazione diaframmatica, concentrandoti sull’espansione del diaframma ad ogni inspirazione e sul suo rilassamento ad ogni espirazione.

Allenare il diaframma e migliorare la respirazione diaframmatica può essere integrato nella vita quotidiana in modo discreto e efficace, anche in contesti in cui il tempo è limitato o ci si trova in luoghi pubblici.

Anche seduti alla scrivania, è possibile praticare una respirazione diaframmatica profonda. 

Concentrati sull’espandere delicatamente l’addome durante l’inspirazione e sul rilassarlo durante l’espirazione, mantenendo il processo fluido e discreto.

In alternativa, dedica i primi minuti dopo il risveglio alla respirazione diaframmatica, ancora a letto o durante la doccia.

È un modo efficace per iniziare la giornata con energia e calma.

Se riesci, sfrutta anche la meditazione del corpo per calmare la mente e riconnetterti con il momento presente.

In ogni caso, la chiave per allenare efficacemente il diaframma è la costanza.

Anche pochi minuti al giorno possono fare una grande differenza.

Per questo motivo non arrenderti se non riesci a “sentirlo” da subito: probabilmente sarà stato in parte atrofizzato dallo scarso utilizzo che ormai ne facciamo, come purtroppo avviene a moltissimi altri muscoli del nostro corpo.

La cosa bella è che può essere facilmente recuperato nella sua piena funzione e venirti in soccorso ogni qual volta tu ne abbia bisogno.

Ma quindi come mai alcuni muscoli del nostro corpo finiscono per atrofizzarsi? Ed è davvero possibile recuperarli, anche ad una certa età?

La risposta breve è “sì, ma solo se vengono allenati nel modo corretto”.

La risposta lunga e completa invece la trovi nel libro “Corpo Intelligente” di Ale Demaria, che spiega esattamente per quale motivo abbiamo perso il controllo e la funzione della quasi totalità del nostro corpo e come recuperare forza e flessibilità a qualsiasi età.

Il libro ti mostrerà come le nostre abitudini, i nostri schemi di pensiero e le nostre emozioni influenzano direttamente il nostro corpo, rendendolo rigido e vittima di dolori cronici.

“Corpo Intelligente” ti fornirà una prospettiva del tutto nuova sui tuoi dolori, i tuoi pensieri limitanti e un sacco di altra roba che in questo preciso momento viaggia dalla tua mente al tuo corpo e viceversa, influenzando le tue scelte e le tue sensazioni senza neppure che tu te ne renda conto.

Se sei curioso di saperne di più, puoi ordinare la tua copia oppure semplicemente prendere maggiori informazioni cliccando sul link che trovi qui sotto.

CALMA LA MENTE, LIBERA IL CORPO

Leggi “Corpo Intelligente”, il primo libro di Ale Demaria, fondatore di Moveinside, e scopri come calmare la mente e liberare il corpo in un solo momento, attraverso il potere trasformativo e rigenerativo del movimento.

Pin It on Pinterest

×Chat