In questo articolo, vedremo insieme un esercizio fantastico per rafforzare i tuoi tricipiti.

In un mondo dove i bicipiti sono sempre sotto la luce dei riflettori, i tricipiti rimangono spesso nell’ombra, trascurati e sottovalutati.

Eppure, questi potenti muscoli non solo costituiscono circa due terzi del braccio, ma sono essenziali per sviluppare forza organica in modo naturale e completo, oltre che per ottenere un’estetica del busto equilibrata e bella da vedere.

Perché tutti allenano i bicipiti e pochi i tricipiti?

Basta guardarsi intorno in palestra per vederlo: tutti allena i bicipiti, non solo con i manubri ma anche alla sbarra.

Te ne rendi conto osservando la posizione delle mani: se il polso guarda internamente verso il volto sei di fronte ad un Chin Up, che sfrutta proprio la forza bicipiti.

Lo abbiamo già descritto in questo articolo: Come eseguire correttamente il Chin Up.

Infatti, non è sbagliato di per sé allenare i bicipiti.

Il problema come sempre sta nell’allenare solo questi e non dedicare la stessa attenzione ai muscoli opposti e limitrofi, come appunti i tricipiti.

Oppure nel contrarre il muscolo senza mai allungarlo, come abbiamo già visto negli ultimi articoli a proposito dei pettorali.

Ma allora perché tutti si concentrano sui bicipiti?

Semplice. Perché questo muscolo di solito cresce in modo più rapido ed è più gratificante allenare questo rispetto ai tricipiti.

Il problema è che poi ci ritroviamo di fronte a braccia squilibrate, sia dal punto di vista della forza che da quello estetico, con una parte davanti forte e grossa e una parte dietro moscia e atrofica.

Molto brutto da vedere, oltre che poco funzionale.

Perciò, vediamo ora un buon esercizio per allenare i tricipiti.

A cosa servono i tricipiti nella vita di tutti i giorni?

I tricipiti sono molto più che semplici muscoli per avere una bella estetica del braccio. Sono di fatto essenziali per una vasta gamma di movimenti quotidiani. 

Situati sul lato posteriore del braccio, i tricipiti hanno tre capi (da qui il nome “tri-cipite”) e sono principalmente responsabili dell’estensione dell’avambraccio sul braccio, un’azione fondamentale in molti gesti di tutti i giorni.

  • Quando alzi una scatola pesante su uno scaffale alto o prendi qualcosa sopra la tua testa, stai utilizzando i tricipiti.

Una forza maggiore nei tricipiti ti permette di sollevare oggetti più pesanti e per periodi più lunghi senza affaticamento.

  • Che tu stia lanciando una palla, nuotando, giocando a tennis o praticando yoga, i tricipiti sono coinvolti.

Essi contribuiscono a dare potenza e stabilità nei movimenti che richiedono l’estensione del braccio, migliorando le prestazioni sportive in generale.

  • Atti semplici come spingere una porta, usare un cacciavite, o persino spazzolarsi i capelli richiedono l’intervento dei tricipiti.

Una debolezza in questi muscoli può rendere più faticose queste attività quotidiane, specialmente man mano che invecchiamo.

  • I tricipiti aiutano a stabilizzare il gomito per attività che richiedono precisione e controllo, come scrivere o disegnare.

Senza tricipiti forti, queste attività possono diventare più difficili e meno precise.

Allenare i tricipiti, quindi, non è solo una questione di forza o estetica, ma permette di ottenere un grande miglioramento della qualità della vita, rendendo più semplici e meno faticose molte delle azioni quotidiane che diamo per scontate.

Vuoi tricipiti forti e sodi? Prova questo esercizio

Scommetto che, come molti, anche tu hai dedicato intere sessioni ai bicipiti, ammirando il loro gonfiore nello specchio, mentre i tuoi tricipiti chiedevano a gran voce un po’ di attenzione.

Non è una sorpresa: i tricipiti sono spesso trascurati, ma ammettilo, un braccio ben bilanciato e potente fa tutto un altro effetto.

Ecco perché dovresti provare il Dip su Panca, un classico esercizio che farà piangere i tuoi tricipiti (in senso buono, promesso!).

Vediamo come eseguirlo:

Siediti su una panca o su una sedia stabile, posiziona le mani sul bordo leggermente più strette rispetto alla larghezza delle spalle, e i piedi sul pavimento davanti a te.

Sposta il corpo in avanti, fuori dalla panca, abbassandolo verso il pavimento fino a quando i gomiti non formano un angolo di circa 90 gradi. 

Spingi verso l’alto, estendendo completamente i gomiti per tornare alla posizione di partenza. Assicurati di mantenere la schiena dritta e i gomiti vicini al corpo durante tutto il movimento.

Questo esercizio sembra molto semplice in apparenza, ma ti garantisco che è abbastanza faticoso.

Per cui comincia con poche ripetizioni e serie, per poi aumentare.

Aggiungo solo che è utile per tutte quelle donne che vogliono combattere le “ali di pipistrello” che normalmente vengono sotto le braccia sia a causa dell’età che soprattutto della mancanza di allenamento.

Per integrare, invece, questo esercizio nella tua routine quotidiana di allenamento in perfetto stile Moveinside, ricordati di inserirlo in una strategia che prevede l’equilibrio e lo sviluppo completo del corpo.

  • Allena quindi sia la parte davanti che quella dietro di ogni parte del tuo corpo, in pratica ogni muscolo e il suo opposto.
  • Contrai ma non dimenticarti di allungare.
  • Prediligi la funzione, l’estetica verrà di conseguenza.

Se vuoi capire meglio come sviluppare un piano di allenamento davvero completo ed equilibrato, guarda la video lezione gratuita in cui ne parlo. Trovi il link qui sotto.

MASTERCLASS GRATUITA: LE COORDINATE DELLA LIBERTA' DI MOVIMENTO

Scopri la tecnica segreta per costruire un corpo completo: forte e flessibile in modo naturale anche da adulto.

Pin It on Pinterest

×Chat