Per affrontare il dolore interiore e superare la frustrazione e l’insoddisfazione nella vita, dobbiamo immergerci in un viaggio di scoperta interiore.

La nostra esistenza è spesso segnata da momenti in cui ci sentiamo smarriti, insoddisfatti e desiderosi di cambiamento. 

È in questi momenti che dobbiamo ricordare che il cambiamento parte da dentro, da una profonda riflessione su di noi stessi e sulle nostre vere aspirazioni.

Ma da dove iniziare e come arrivare alla versione più vera di noi?

Lo vediamo in questo articolo.

Dolore interiore: come imparare ad usare l’insoddisfazione come motore del cambiamento

La vita è un percorso ricco di sorprese, sfide e, a volte, inevitabili delusioni. 

Sperimentiamo dolori non solo fisici ma anche interiori, che nascono dalla frustrazione e dall’insoddisfazione nei confronti della vita che conduciamo. 

Questi sentimenti possono derivare da vari ambiti: relazionale, lavorativo, esistenziale. 

Tuttavia, ciò che spesso trascuriamo è che questi stati d’animo non sono semplici ostacoli da superare con soluzioni esteriori ma segnali che invitano a una più profonda introspezione.

Il dolore interiore e la frustrazione emergono quando ci troviamo di fronte alla discrepanza tra ciò che viviamo e ciò che desideriamo realmente dalla vita. 

Come puoi leggere tu stesso nel libro “Corpo Intelligente” di Ale Demaria (se vuoi ordinarne una copia o leggere l’anteprima gratuita trovi il pulsante in fondo a questa pagina) questa è anche l’origine dello stress, ovvero l’essere qui ma il voler essere lì.

Questa disarmonia interiore si manifesta in varie forme, quali malcontento cronico, sensazione di vuoto e mancanza di direzione.

È un richiamo del nostro essere più profondo che ci invita a fermarci e riflettere, a interrogarci sui veri motivi della nostra insoddisfazione.

Desiderio di cambiamento: come incanalarlo in una direzione produttiva

Il desiderio di cambiamento è innato nell’essere umano. È il motore che ci spinge a evolvere, a cercare di migliorare la nostra esistenza. 

Tuttavia, per poter realizzare un cambiamento significativo, è essenziale comprendere che la trasformazione deve iniziare dall’interno.

Dobbiamo prima accettare e comprendere il nostro dolore, le nostre frustrazioni e le nostre insoddisfazioni, per poi lavorare su di esse con amore e consapevolezza.

Come suggeriamo sempre ai nostri studenti, un esercizio utile per alleviare il dolore interiore consiste nell’osservazione e trasformazione dei nostri pensieri negativi in positivi.

Pratica che richiede disciplina e un cambiamento radicale di prospettiva.

Questo esercizio non risolverà dall’oggi al domani le cause profonde del tuo malessere, ma sarà un primo passo per “alleviare i sintomi” e aprire la strada a una maggiore introspezione.

Maggiore introspezione che col tempo ti porterà a individuare e risolvere le vere cause della tua insoddisfazione.

Infatti se non sai da dove iniziare (ed è normale, all’inizio) dai un’occhiata a questo articolo. Troverai una semplice meditazione guidata, che a noi piace chiamare Body Scan, che ti sarà davvero molto utile per iniziare questo lavoro.

Come arrivare alle versione più vera di te

Quando si parla di dolore interiore, frustrazione e insoddisfazione della vita, è importante considerare come il nostro corpo e la nostra mente siano strettamente connessi. 

Molti di noi infatti vivono esperienze di dolore e disagio fisico che non sembrano avere una causa concreta e immediata, né tantomeno di origine traumatica.

In tutti questi casi è evidente che il dolore fisico ha origine nella mente.

Questi sintomi infatti sono spesso il riflesso di conflitti interiori, di una lotta tra ciò che desideriamo veramente e ciò che ci troviamo a vivere quotidianamente.

La frustrazione e l’insoddisfazione scaturiscono spesso da una disconnessione tra i nostri bisogni più profondi e le scelte di vita che facciamo, guidati da aspettative esterne o da una ricerca di approvazione che lascia poco spazio all’autenticità personale.

E quindi come facciamo a iniziare a togliere tutti questi strati artificiali che non ci appartengono?

La prima cosa da fare è iniziare a lavorare sul corpo e sul movimento, affiancando questo ad una pratica interna che di fatto consiste in una “meditazione del corpo” quotidiana (vedi l’articolo qui sotto).

Infatti, una delle prime e più fondamentali azioni da intraprendere quando la propria vita non soddisfa più è iniziare a lavorare proprio sul corpo.

Questo approccio può sembrare controintuitivo, in particolare quando si tende a cercare soluzioni nei libri, nelle filosofie o nelle terapie che coinvolgono principalmente la mente.

Tuttavia, la relazione tra il corpo e la qualità della vita è profondamente intrecciata: nella mente si originano i problemi, nel corpo si trovano le soluzioni.

Quando ci muoviamo, non lavoriamo solo sul corpo in senso fisico ma anche su noi stessi come individui consapevoli.

Il corpo, in questo senso, diventa un potente strumento di autoesplorazione e trasformazione.

Lavorando sul corpo, iniziamo a rimuovere gli strati di condizionamento e aspettative che ci hanno allontanato dalla nostra essenza.

Questo processo è ciò che ne tempo va a rivelare la nostra versione più autentica, aiutandoci a comprendere meglio chi siamo e cosa vogliamo realmente dalla vita.

In definitiva, abbracciare il movimento come parte integrante del percorso di crescita personale non è solo un modo per migliorare il nostro benessere fisico, ma è un passo fondamentale per riconnettersi con sé stessi e con il vero potenziale che ciascuno di noi possiede in modo innato.

Va solo pulito dalla polvere che si è accumulata negli anni e fatto risplendere.

Il percorso verso la risoluzione del dolore interiore, della frustrazione e dell’insoddisfazione personale richiede tempo, pazienza e soprattutto la volontà di guardare dentro di sé per affrontare e trasformare quelle parti della nostra vita che ci causano sofferenza. 

In questo viaggio il libro “Corpo Intelligente” di Ale Demaria può essere una guida preziosa, perché offre spunti di riflessione e soluzioni pratiche per iniziare a vivere una vita più piena e soddisfacente, liberando il corpo e calmando la mente.

Puoi ordinarlo o leggere l’anteprima gratuita cliccando sul bottone in basso.

In questo processo di crescita e cambiamento, ricorda che ogni passo, anche il più piccolo, è un avanzamento verso una vita più in linea con i tuoi veri desideri e aspirazioni.

L’importante è che, tramite la pratica interna ed esterna (meditazione e movimento), inizi a rimuovere uno dopo l’altro tutti gli strati artificiali che ora nascondono la versione più vera di te stesso.

CALMA LA MENTE, LIBERA IL CORPO

Leggi “Corpo Intelligente”, il primo libro di Ale Demaria, fondatore di Moveinside, e scopri come calmare la mente e liberare il corpo in un solo momento, attraverso il potere trasformativo e rigenerativo del movimento.

Pin It on Pinterest

×Chat