Nel vortice incessante della vita moderna, ci ritroviamo spesso ad avere la testa piena di pensieri, sopraffatti da una tempesta che non solo affollano la nostra mente ma iniziano a incidere profondamente sul nostro benessere fisico.

Questi flussi inarrestabili di preoccupazioni, paure, e dubbi possono portarci a ignorare i segnali che il nostro corpo ci invia, lasciando che piccole tensioni si trasformino in dolori cronici.

Non solo. E’ ormai risaputo che i pensieri negativi determinano direttamente la produzione di alcuni ormoni (ad esempio il cortisolo ma ve ne sono tantissimi altri coinvolti in questo processo) che hanno un impatto molto negativo sul nostro corpo.

Questo processo ci porta di fatto ad auto-sabotare la nostra salute, sei sicuro di non starlo subendo anche tu?

Se sei pronto a rispondere a questa domanda, questo articolo esplora e approfondisce proprio questo tema.

I dolori del corpo non sono la causa, ma la conseguenza

Il nostro corpo e la nostra mente sono incredibilmente connessi, ormai anche la scienza ha riconosciuto finalmente questo rapporto.Pensa a come una giornata stressante al lavoro può tradursi in un forte mal di testa o come preoccupazioni costanti possono farti sentire veramente esausto un senza motivo apparente.
Questo perché i pensieri negativi e lo stress causano direttamente tensioni muscolari, specialmente nelle aree del collo, delle spalle e della schiena, portando a dolori che con il tempo possono diventare cronici.
Perciò le cose funzionano esattamente all’inverso di come hai sempre pensato: prima hai determinati pensieri, ansie e preoccupazioni e poi provi determinati dolori, tensioni o patologie, non viceversa.Il dolore nel corpo non è mai la causa dei tuoi problemi, è sempre la conseguenza.

Ecco come il tuo corpo ti parla e perché dovresti ascoltarlo

Il dolore è proprio il modo in cui il tuo corpo ti comunica che c’è qualcosa nella tua vita che non ti sta lasciando in pace in questo momento, qualcosa che stai vivendo nella mente e stai somatizzando nel corpo.Questo avviene per una concatenazione di ragioni, ma per semplificare il discorso potremmo dire che gli scenari che determinano il dolore cronico sono due:
Per prima cosa, avere la testa piena di pensieri e preoccupazioni ci fa assumere artificialmente posture tese e contratte, che nel tempo portano a meccanismi di compensazione e ovviamente a tensioni e dolori cronici
Inoltre, ci fa vivere in una costante situazione di “lotta o fuga”, cosa che ormonalmente ha delle conseguenze pesanti
E’ chiaro come queste due condizioni sommate e protratte a lungo nel tempo siano la causa di molte delle patologie atraumatiche contemporanee.Ovvero quelle dove non ci sia stato uno specifico incidente, ma siano situazioni anomale inspiegabili e apparentemente incurabili.

Capire il rapporto tra corpo e mente con un esempio pratico

Come abbiamo visto, i pensieri si originano nella mente e poi viaggiano nel corpo sotto forma di emozioni, e infine si traducono in sensazioni fisiche.Spesso, infatti, ciò che consideriamo come dolore fisico ha radici molto più profonde.I pensieri e le emozioni che viviamo ogni giorno influenzano il nostro stato fisico molto più di quanto ci aspetteremmo.Una recente ricerca ha dimostrato che oltre il 90% dei nostri pensieri quotidiani sono ripetizioni di quelli del giorno precedente, con una grande parte focalizzata su preoccupazioni, paure, e negatività.Questo ciclo continuo ha un impatto significativo sulla nostra salute fisica, creando uno stato di tensione costante che si manifesta attraverso vari sintomi fisici, dal semplice mal di testa, alla cervicalgia, ai problemi intestinali, all’infiammazione del nervo sciatico e così via.E’ chiaro che in tutte queste patologie vi è un concatenazione di cause fisiche ed emotive (ad esempio l’infiammazione del nervo sciatico può essere causata fisicamente dai muscoli della schiena che sono troppo contratti e che sottopongono il nervo a tensione e quindi a infiammazione).
Ma quello che dovremmo capire è che quelle stesse cause fisiche sono spesso create artificialmente dalla nostra mente.
Ovvero, se non sono caduto a terra e non mi sono fatto male, perché i muscoli della mia schiena si sono contratti a tal punto da far infiammare il nervo sciatico?Perché probabilmente le mie preoccupazioni mi hanno portato ad assumere nel tempo una postura costantemente tesa e contratta.Questo, unito alla sedentarietà e alla scarsa mobilità tipiche della vita contemporanea, ha fatto sì che il muscolo si atrofizzasse, infiammando poi il nervo sciatico.
Ma l’origine primaria di tutto questo processo è stato il mio stato d’ansia iniziale, quindi di nuovo la mente.

Nella mente ci sono i problemi, nel corpo le soluzioni: ecco l’esercizio per usare dal loop

Per interrompere questo ciclo, prova un esercizio semplice che chiunque può fare in qualsiasi momento della giornata.Si tratta di un esercizio di consapevolezza focalizzato sui piedi.
Mentre sei seduto o in piedi, porta la tua attenzione ai tuoi piedi, senti il contatto con il suolo e nota ogni sensazione.
Questo semplice atto ti aiuta a radicarti nel presente, distogliendo l’attenzione dai pensieri che affollano la tua mente e riducendo il livello di stress e tensione nel corpo.
In pratica, ogni volta che senti che la mente prende il sopravvento su di te, torna ad essere corpo, cominciando proprio dalle estremità inferiori.
I piedi sono pieni di terminazioni nervose, per cui ti sarà facile portare l’attenzione lì e potrai farlo in ogni momento in cui ne senti il bisogno.Come abbiamo visto, quindi, il viaggio verso il benessere non si limita alla cura del sintomo fisico, ma richiede un approccio olistico che includa mente e corpo.Partendo proprio dall’ascolto del proprio corpo, senza giudizio e con tanto amore per se stessi.Chiaramente il discorso è lungo e non può essere esaurito in un semplice articolo.
Per esplorare ulteriormente questi concetti, perciò, ti invito a leggere il libro “Corpo Intelligente” di Ale Demaria, che ti offrirà una guida preziosa per comprendere e affrontare le radici mentali del dolore, in modo da risolvere i tuoi dolori cronici una volta per tutte.
Lo puoi ordinare o leggere l’anteprima gratuita cliccando sul tasto qui sotto.

CALMA LA MENTE, LIBERA IL CORPO

Leggi “Corpo Intelligente”, il primo libro di Ale Demaria, fondatore di Moveinside, e scopri come calmare la mente e liberare il corpo in un solo momento, attraverso il potere trasformativo e rigenerativo del movimento.

Pin It on Pinterest

×Chat